20° Glocal Film Festival

11-15 marzo 2021
not available
Intro Piemonte Movie presenta 20° Glocal Festival
ATTENZIONE:

DALLE ore 14 di giov. 11 marzo 2020 DISCO – RUIN è ESAURITO.

NON E’ PIU’ POSSIBILE ACQUISTARNE I BIGLIETTI E CHI SI ABBONA AL 20 GLOCAL FESTIVAL D’ORA IN POI NON POTRA’ VEDERLO

______________________________________________

Biglietti & Abbonamenti: istruzioni per l’uso

N.B.: La visione dello streaming del 20° Glocal Film Festival è ottimizzata per i dispositivi Pc, Apple (Mac, iPhone, iPad) e Android che utilizzano le versioni più recenti di Firefox e Chrome.

 – per supporto: info@streeen.org

_____________________________________________

La lista completa delle proiezoni, presentazioni e di tutti gli appuntamenti del 20°Glocal Festival la trovi QUI

____________________________________________

 

Il panorama in cui si affaccia questa nuova edizione del festival è quello di un mondo cambiato, di un settore culturale depauperato e di nuove modalità di fruizione dei prodotti culturali, una situazione che chiede al Glocal di mettersi nuovamente in gioco.

La sospensione dell’edizione 2020 ha dato vita a un’eccezionale versione estiva che ha portato il festival in contesti inediti davanti a un nuovo pubblico, esperienza il cui bilancio è stato positivo e utile a restituire allo staff del Glocal Film Festival l’energia necessaria per preparare questo nuovo appuntamento e la sfida che porta con sé: la 20ª edizione si svolgerà interamente online su streeen.org aprendosi a una platea diffusa su tutto il territorio italiano che il Glocal vuole conquistare grazie alle proposte dei film che compongono un programma più che mai glocal.

I 33 titoli del festival 2021 incarnano appieno la volontà di uscire dai confini regionali, aprendosi nella narrazione e nella realizzazione a contaminazioni e coproduzioni, il tutto anche grazie a un comparto cinematografico regionale qualificato e dinamico, rafforzato dal lavoro di enti come il Museo Nazionale del Cinema e la Film Commission Torino Piemonte, che ha visto il radicarsi delle attività legate alla settima arte, da quelle festivaliere e divulgative fino a quelle produttive e industry.

I 5 giorni del 20° Glocal Film Festival, ideato dall’Associazione Piemonte Movie e diretto da Gabriele Diverio, propongono 6 documentari del concorso Panoramica Doc e 16 film brevi dello storico contest per cortometraggi Spazio Piemonte cui si aggiunge la speciale sezione fuori concorso dall’evocativo nome Lock & Short dedicata ai corti che restituiscono in immagini l’emergenza pandemica e il confinamento tra le mura di casa. L’attenzione che il Glocal riserva alla produzione locale si traduce anche in collaborazioni con realtà che similmente puntano i riflettori sulle specificità cinematografiche di altri territori e da questa edizione il discorso si allarga creando un focus su una ‘Regione ospite’, che quest’anno saranno i Paesi Baschi con il coinvolgimento Kimuak, ente che opera nella promozione del cortometraggio basco.

I film del 20° Glocal Film Festival sono disponibili dalla data di messa online e per le 48 ore successive (biglietto singolo 3,50 €, abbonamento festival 12 €) sulla piattaforma streaming dedicata al cinema indipendente e d’autore streeen.org.

Lo staff del festival introdurrà gli appuntamenti del Glocal con delle dirette Facebook sulla pagina @PiemonteMovieGlocalNetwork in cui interverranno gli autori dei film in programma.

20° Glocal Film Festival è organizzato da Associazione Piemonte Movie, realizzato con il contributo di Regione Piemonte, il patrocinio di Città di Torino e Città Metropolitana di Torino, e il supporto di Film Commission Torino Piemonte e di Museo Nazionale del Cinema – Torino Film Festival. Main Partner ODS. Main Sponsor Compagnia dei Caraibi.

 

FILM D’APERTURA

L’apertura di giovedì 11 marzo è affidata all’anteprima assoluta di Manuale di storie dei cinema (ITA, 2020, 96’) di Stefano D’Antuono e Bruno Ugioli che – ibridando il genere del documentario con la commedia – racconta l’avvincente storia delle sale cinematografiche torinesi, dall’avvento del cinematografo Lumière alla fine dell’Ottocento fino alle prospettive dello spettatore del futuro. Prodotto dalla Rossofuoco di Davide Ferrario, il lavoro riflette sull’identità e sul valore della sala cinematografica, nel suo ruolo sociale, antropologico e mediale, e sui meccanismi di fruizione dell’esperienza cinematografica attraverso le voci dei gotha del cinema torinese. Un inno alla dimensione reale e fisica della visione cinematografica, oggi a rischio a causa dalla pandemia e dalle strategie messe in atto per contrastarla.

 

PANORAMICA DOC

Il cinema del reale protagonista del concorso Panoramica Doc è più che mai di respiro nazionale ed internazionale e compone la vetrina del meglio della produzione regionale 2020 pur portando lo spettatore altrove: L’Avana, Miami, New York, Londra, Parigi, Amsterdam, Copenhagen sono solo alcune delle location fuori dai confini nazionali che fanno da sfondo ai documentari in programma, mentre in Italia si viaggia tra città come Milano, Roma, Perugia, Trento, Firenze, Bologna e Genova.

I 6 titoli, selezionati tra i 38 iscritti, che concorreranno al Premio Torèt Alberto Signetto (2.500 €) sono: Cuban Dancer di Roberto Salinas che tra L’Avana e Miami segue il giovane ballerino Alexis costretto a trasferirsi negli USA per seguire la famiglia dove dovrà iniziare daccapo il suo percorso artistico per inseguire il suo sogno – prodotto dalla casa torinese Indyca; Disco Ruin di Lisa Bosi e Francesca Zerbetto è un visionario viaggio nell’Italia del clubbing dall’ascesa al declino di questi “luoghi di perdizione” oggi “luoghi perduti”, enormi ruderi architettonici svuotati e abbandonati, alla scoperta di una cultura mai veramente compresa e spesso denigrata; Slow News di Alberto Puliafito che indaga il mondo del giornalismo internazionale “ubriacato” dalla ricerca di immediatezza, tranello in cui ad avere la peggio è l’accuratezza dell’informazione, mentre alcune redazioni in Italia e all’estero lavorano per far tornare al centro il ruolo sociale del giornalismo; Umberto B. – Il Senatur di Francesco Amato traccia la biografia di una delle figure più sfaccettate e indecifrabili della storia italiana politica e sociale che nella sua vita ha ricoperto ruoli e difeso posizioni differenti e non sempre in accordo fra loro: Umberto Bossi; Libro di Giona di Zlatolin Donchev, prodotto dai registi Gianluca e Massimiliano De Serio, che accompagna la quotidianità vissuta in strada di un senzatetto in Liguria che si troverà a fare i conti con sé stesso quando un’inattesa eredità gli permetterà di voltare pagina; La mia storia si perde e si confonde di Daniele Gaglianone e Imogen Kusch, i registi conducono gli allievi e le allieve di recitazione della Scuola Volonté a esplorare il confine fra finzione e verità, interprete e personaggio, utilizzando il metodo dell’improvvisazione e una tecnica sull’uso del corpo e dell’emotività messa a punto da Kusch. A scegliere il Miglior Documentario i giurati Sarah Bellinazzi, Carlo Cresto Dina e Matteo Marelli.

 

SPAZIO PIEMONTE

In questa 20a edizione del Glocal Film Festival sono 16 i lavori selezionati che concorreranno per il Premio Torét Miglior Cortometraggio, e come ogni anno sono il meglio della produzione piemontese. Una produzione che regala, come sempre, un viaggio tra i generi e i formati più disparati.

I documentari ci portano fino in Messico alla scoperta dei fachiri del ventunesimo secolo con Vidas de Vidrio di Tommaso Valli e Daniele Giacometti; The Weapons’ Reputation di Cinzia Bongino mette in discussione l’integrità del commercio di armi concentrandosi sul conflitto nello Yemen. Eporedia di Andrea Lazzari e ‘L Prascondù di Loris Di Giovanni ci riportano in Piemonte alla riscoperta di tradizioni e comunità e ricordandoci l’importanza della conservazione della memoria.

I ritagli di carta si animano in Storia di Edina Altara di Alessandra Atzori e Milena Tipaldo, per raccontarci l’artista sarda omaggiando le tecniche utilizzate nelle sue illustrazioni; En rang par deux, Un incontro con Aliou e Afif di Elisabetta Bosco, Margherita Giusti, Viola Mancini e Siderea di Elisa Bonardin, Fiorella Cecchini, Isabel Matta, Carlotta Vacchetti sono i nuovi lavori del Centro Sperimentale di Cinematografia sezione Animazione, che con tecniche diverse mostrano sempre storie affascinanti come quella di Aliou e Afif e la loro musica, o l’incontro con la natura di una ragazza fino ad allora chiusa nel suo mondo.

Si sorride con grandi attori della comicità italiana che fanno da spalla a nuove e promettenti leve con Verdiana di Elena Beatrice e Daniele Lince e Gli atomici fotonici di Davide Morando, che regalano momenti di intelligente leggerezza. Intelligenza e sagacia le ritroviamo anche nel professore protagonista di Tempi morti di Damiano Monaco e Lucio Lionello, alla scoperta di un passato dimenticato.

Non manca la storia d’amore ambientata in un tempo indefinito tra gli anni Settanta e Novanta, in cui l’arte è protagonista e antagonista allo stesso tempo ne Il capolavoro di Stefano Moscone. Il grottesco è di scena in Dandelion di Valentina Ruffa, dove la paura del mostro “Sdentato” porta il piccolo protagonista a gesti sconsiderati.

Un senso di perdita e solitudine comincia a insinuarsi in molti lavori. L’emarginazione dei personaggi di Zheng di Giacomo Sebastiani e Onde di Federico Turani è la toccante messa in scena di un disagio, come quello della solitudine, che intrappola i protagonisti in una bolla di arida quotidianità. La nostalgia è il motore di Entropia di Andrea Risso e Pietro Formici, e Casa di famiglia di Giulia Mello Ceres e Francesca Sofia, film uniti dal ricordo di un tempo passato, che forse non tornerà più.

 

LOCK & SHORT

Gli anni che stiamo vivendo sono anni particolari, il lockdown e la pandemia hanno segnato l’umanità, e non sono passati inosservati per molti dei nostri registi.

Abbiamo quindi deciso di dedicare una sezionea fuori concorso a questo argomento, dal titolo Lock&Short, in cui vogliamo mostrare 3 dei lavori piemontesi con lo sguardo più interessante sull’emergenza che stiamo ancora vivendo.

Il diario personale, frammentario e onirico di Imperfetto presente (voci dal primo lockdown) di Maddalena Merlino e Claudio Paletto, la riscoperta di un territorio dopo il lockdown per mano di più artisti in Passeggiate a Nord Ovest di Matteo Bellizzi e Manuele Cecconello, e infine la rappresentazione di due emergenze in A letto con la cena di Silvia Pesce: quella nuova, il Coronavirus, e quella spesso dimenticata della crisi alimentare.

 

FROM LOCAL TO GLOBAL

Sono ormai vari anni che il Glocal Film Festival ha stretto una rete di collaborazioni con vari festival italiani dedicati al cortometraggio. Storica è ormai l’amicizia con il cagliaritano Skepto Film Festival, a cui ci lega il ricordo del regista torinese Alberto Signetto. Lago Film Fest, appuntamento internazionale dedicato al formato breve che si tiene nella splendida cornice estiva della veneta Revine Lago, si sarebbe aggiunto poco dopo. Quest’anno abbiamo il piacere di accogliere altre due importanti realtà nazionali, operanti rispettivamente in Sicilia e in Emilia-Romagna: Corti in cortile e Sedicicorto Forlì International Film Festival.

E non ci siamo fermati qui! Per l’edizione numero 20 ci faremo ‘Global’ a tutti gli effetti, accogliendo una Regione Ospite proveniente da fuori i confini nazionali. Inizieremo con i Paesi Baschi, sede del San Sebastián Film Festival, uno dei più importanti al mondo, e di Kimuak, programma regionale dedicato ai cortometraggi realizzati annualmente in Euskadi, per la loro promozione e circuitazione.

 

MANUALE DI STORIE DEI CINEMA
[Film d'apertura]

Manuale di storie dei cinema (ITA, 2020, 96’) di Stefano D’Antuono e Bruno Ugioli L’apertura…

[Spazio Piemonte 1]

Tempi morti; Gli Atomici Fotonici; En Rang Par Deux; 'L Prascondù (Il Prato Nascosto)  …

LIBRO DI GIONA
[Panoramica Doc 1]

Libro di Giona (ITA/BUL, 2020, 72’) di Zlatolin Donchev   Il cinema del reale protagonista…

LA MIA STORIA SI PERDE E SI CONFONDE
[Panoramica Doc 2]

La mia storia si perde e si confonde (ITA, 2020, 60’) di Daniele Gaglianone e…

[From Local to Global]

Leyenda Dorada; Bleed; Destino; Gas Station; Che altri occhi ti guardino   Sono ormai vari…

[Spazio Piemonte 2]

Verdiana; Il capolavoro; Sidérea; Eporedia;   In questa 20a edizione del Glocal Film Festival sono…

UMBERTO B. - IL SENATUR
[Panoramica Doc 3]

Umberto B. – Il Senatur (ITA, 2020, 83’) di Francesco Amato   Il cinema del…

DISCO RUIN
[Panoramica Doc 4]

Disco Ruin (ITA, 2020, 110’) di Lisa Bosi e Francesca Zerbetto DALLE ore 14 di…

[Spazio Piemonte 3]

Dandelion; Entropia; The Weapons' Reputation; Zheng;     In questa 20a edizione del Glocal Film…

[Spazio Piemonte 4]

Onde; Casa di famiglia; Storia di Edina Altara; Vidas de vidrio   In questa 20a…

SLOW NEWS
[Panoramica Doc 5]

Slow News (ITA, 2020, 92’) di Alberto Puliafito     Il cinema del reale protagonista…

WASTEPLANET + CUBAN DANCER
[Panoramica Doc 6]

Wasteplanet (Focus COORPI) - 8'; Cuban Dancer - 94'     Il cinema del reale…

[Lock & Short]

Passeggiata a Nord Ovest; Imperfetto presente; A letto con la cena;   Gli anni che…

Trailer 20° Glocal Film Festival