In The Image Of God Un film di Bianca Rondolino

Esaurito

Il rabbino Levi è nato nel 1957 a Long Island, New York, intersessuale come la sua nonna e la sua bisnonna.

E come a loro, a Levi è stato imposto alla nascita il genere femminile. In the Image of God racconta la sua storia di transizione e il suo viaggio attraverso la fede.

Dichiarazioni della regista 

L’1,7% della popolazione nasce intersessuale, ma questa comunità è raramente rappresentata, perché l’intersessualità mette in discussione la visione binaria dei generi su cui si basa la nostra società: per questo ho realizzato il film. Volevo raccontare una storia che non cercasse di persuadere nessuno ma che raccontasse la verità – la verità di Levi – nella sua complessità. La storia di Levi mette in discussione non solo le nostre certezze sul genere, ma anche il modo in cui si inquadra il dibattito politico: tradizione contro progresso, religione contro libertà individuale, vecchie generazioni contro nuove generazioni. Levi è un uomo erudito e profondamente religioso, nato negli anni Cinquanta. Per lui l’esplorazione della propria identità di genere ha coinciso in parte con un viaggio nella propria fede. L’accettazione di sé è arrivata quando ha trovato nelle Scritture le persone LGTBQI+ e ha imparato che noi, come tutti gli altri, siamo stati creati a immagine di Dio. L’identità di genere è la nostra verità più intima e la sua autodeterminazione dovrebbe essere un diritto.

Festival

38 Torino Film Festival Fuori Concorso/Corti 2020

Cast

GRAPHIC DESIGNER: Ambra Garlaschelli

MUSICA: Simón Wilson

SUONO: Simone Salvucci