I malestanti trent'anni dopo Un film di Claudio Di Mambro, Luca Mandrile, Marco Venditti

Non disponibile

A distanza di trent’anni dall’uscita del film “Diario di un maestro” di Vittorio De Seta, si ritorna sui luoghi delle riprese per scoprire le storie dei protagonisti di allora e descrivere il cambiamento socio-antropologico avvenuto in questo arco di tempo.

I soggetti del documentario sono gli ex-ragazzi di borgata protagonisti del film, oggi quarantenni, il regista Vittorio De Seta ed Alessandro Ricci, insegnante nel doposcuola all’epoca del film.

Attraverso le loro testimonianze si ricostruisce l’esperienza di Diario di un maestro, sia in termini personali che storico-sociali. Infatti le storie di vita dei malestanti (così si definirono all’epoca i ragazzi di Diario) raccontano dei fenomeni e dei mutamenti sociali che hanno contraddistinto i quartieri popolari romani negli ultimi trent’anni: il passaggio da una cultura contadina e popolare all’inurbamento massificato; l’impegno politico come riscatto sociale; la criminalità come unica via d’uscita dalla precarietà; la diffusione dell’eroina che ha segnato pesantemente il destino di un’intera generazione.

Un continuo confronto con la realtà raccontata nel film del ’73 e la testimonianza di Vittorio De Seta, da sempre osservatore attento delle mutazioni socio-antropologiche, permettono di allargare la riflessione alla trasformazione dell’intera società italiana e del suo sistema scolastico.

Cast

Fotografia, suono e montaggio:
Claudio Di Mambro, Luca Mandrile, Marco Venditti.

Musica: Piero Brega; Rolling Stones; Stray Dogs, G.B. Pergolesi

Protagonisti:
Massimo Bonini;
Giorgio Mennuni;
Franco Munzi;
Sergio Piazza;
Renzo Sacco;
Stefano Scafati;
Marco Speranza;
Remo Tamasco;
Franco Tomasso;
Amedeo Traversetti;
Giancarlo Valente;
Marco Veneto;
Vittorio De Seta;
Alessandro Ricci

RegiaClaudio Di Mambro, Luca Mandrile, Marco Venditti ProduttoreFarFilms s.r.l. GeneriDocumentario, Lungometraggio Durata 50' Anno 2003 Nazione Italia
Trailer I malestanti trent'anni dopo