Novitàfilm

Redemption song

Regia di: Cristina Mantis 2015

Il documentario Redemption song, intona il canto di redenzione che l’africano Cissoko sogna per la sua gente e la sua terra.

Noi non siamo come James Bond

Regia di: Mario Balsamo 2012

Che si fa dopo una malattia grave? Un film, per esempio. Dove quell’incidente di percorso c’entra ma solo come spunto.

L'ora della lucertola

Regia di: Mimmo Calopresti 2004

Il suggestivo incontro tra l'artista Mimmo Rotella e il regista Mimmo Calopresti.

Le montagne non finiscono là

Regia di: Arianna Coillard, Maurizio Pellegrini 2014

Enrico è un esperto alpinista da sempre alla ricerca della scalata perfetta, della via ideale verso la vetta, anche se a suo dire, lavorando nel caseificio…

Nozze d’agosto 

Regia di: Andrea Parena 2012

Il matrimonio nel sud Italia ai nostri tempi, tra antiche ritualità e precarie professionalità.

Cerca per regista
Cerca un film

Bimba col pugno chiuso

Giovanna Marturano, antifascista, partigiana, protagonista di battaglie politiche e sociali dal dopoguerra ai giorni nostri. Un secolo di storia attraverso lo sguardo di una bimba di 101 anni.

2013 Claudio Di Mambro, Luca Mandrile, Umberto Migliaccio vai alla scheda

Nozze d’agosto

Il matrimonio nel sud Italia ai nostri tempi, tra antiche ritualità e precarie professionalità.

2012 Andrea Parena vai alla scheda

Sanperè

Il tempo dell‘attesa del permesso di soggiorno – e di conoscere il proprio destino – per Diarrè, un giovane ivoriano e i suoi compagni di sventura provenienti dalla Libia, in un piccolo centro di accoglienza nel cuneese.

2013 Francesca Frigo vai alla scheda

Mi Pogolotti querido

Cuba e un quartiere de L'Avana visti attraverso la straordinaria storia di una famiglia italiana nei Caraibi.

2010 Enrica Viola vai alla scheda

Lina Mangiacapre Artista del femminismo

Lina Mangiacapre ha lasciato una vasta produzione come pittrice, romanziera, poeta, regista di cinema e di teatro, indicando percorsi originali per la libertà delle donne. Per lei l’arte e la creatività erano forme di lotta politica, così come erano politiche…

Nadia Pizzuti vai alla scheda

Gente d'Alpe

L’Alpe di Succiso è sul confine tra Emilia e Toscana, tra la pianura padana e il mare, tra il nord del burro e il sud dell’olio. L’Alpe è un mondo piccolo, dove i percorsi dei pochi abitanti residuali si intrecciano,…

2010 Giovanna Poldi Allai, Filippo Lilloni, Sandro Nardi vai alla scheda

Enrico Rava - Note Necessarie

"Quando ero ragazzino l’idea di fare il musicista di Jazz era come voler fare il cowboy" Enrico Rava

2016 Monica Affatato vai alla scheda

Gesù è morto per i peccati degli altri

Tra fede religiosa, amore e sogni per un futuro migliore, come novelle Samaritane, le buttane di San Berillo si raccontano attraverso aperti dialoghi tra le vie del loro quartiere, rivendicano i loro diritti, presentano l’intimità delle loro famiglie e della…

2014 Maria Arena vai alla scheda

Redemption song

Il documentario Redemption song, intona il canto di redenzione che l’africano Cissoko sogna per la sua gente e la sua terra.

2015 Cristina Mantis vai alla scheda

La luce di Pino Pinelli

Un viaggio nel mondo e nell’arte di Pino Pinelli, artista tra i più importanti della Pittura Analitica.

2016 Mimmo Calopresti vai alla scheda

L'ora della lucertola

Il suggestivo incontro tra l'artista Mimmo Rotella e il regista Mimmo Calopresti.

2004 Mimmo Calopresti vai alla scheda

Noi non siamo come James Bond

Che si fa dopo una malattia grave? Un film, per esempio. Dove quell’incidente di percorso c’entra ma solo come spunto.

2012 Mario Balsamo vai alla scheda

Sotto il cielo di Baghdad

Alla vigilia della Seconda Guerra del Golfo, un ritratto degli iracheni, della loro cultura, delle loro paure ed aspettative.

2002 Mario Balsamo, Stefano Scialiotti vai alla scheda

Sognavo le nuvole colorate

Edison è un bambino albanese emigrato in Italia a soli nove anni, senza i genitori, in un viaggio della speranza, su un gommone.

2008 Mario Balsamo vai alla scheda

Il mondo di Luigi Ghirri

"Il documentario è sviluppato con il modo di guardare che Ghirri stesso ci ha suggerito ed insegnato con le sue fotografie: sviluppare una visione ambientale, che sia un modo affettivo di guardare alle cose." (Gianni Celati)

1999 Gianni Celati vai alla scheda

Magna Istria

Il racconto di un viaggio verso l’Istria alla ricerca di un' antica ricetta istriana

2010 Cristina Mantis vai alla scheda

Di quest'attesa disattesa

Un uomo in delirio attende una fine che si presume autoinflitta.

2014 Flavio Sciolè vai alla scheda

Nella pancia del piroscafo

Il regista ripercorre in prima persona, dopo cinquanta anni, il lungo viaggio della sua famiglia verso l’Argentina, dove è nato, all’interno dell’ultima ondata migratoria dei piemontesi nel 1948. Questo percorso attraverso la memoria privata e il continuo accavallarsi di situazioni,…

2006 Alberto Signetto vai alla scheda

Earth men lake

Un video-intervento sulla questione del cinema documentario in Italia, pensato come un film americano degli anni ’60.

2004 Alberto Signetto vai alla scheda

Riflessioni sullalluce

Il risultato della mortifera commistione tra gli orribili anni ’80 dell’agonizzante Prima Repubblica e i terrificanti prolegomeni al nulla culturale della Seconda che si avventa. L’impotenza creativa ai piedi della cultura, appoggiata sulle basi ideologiche del (bel) tempo che fu.…

1994 Alberto Signetto vai alla scheda

Accord

In un bianco e nero impastato e graffiante, che strizza l’occhio alla vecchia Leica Monochrom che Richard Nonas porta sempre al collo come fedele compagna di viaggio, il film documenta il lavoro dell’artista newyorkese invitato a Bossolasco per Sentè d’art…

2008 Alessandro Tannoya vai alla scheda

Via Crucis

Un viaggio vorticoso che unisce Torino a Milano. La pista dello Hollywood Club brulica di fans e ragazzine sgomitanti per accaparrarsi un posto sotto il palco dove stanno per esibirsi i Motel Connection. Nel privè personalità del mondo della moda,…

2004 Alessandro Tannoya vai alla scheda

Anna Karina

Anna Karina ha iniziato la sua carriera d’attrice all’età di quattordici anni a Copenaghen, dove è nata. Arrivata a Parigi a diciassette anni, diventa presto l’interprete preferita di Jean-Luc Godard (che sposerà poco tempo dopo) e di altri giovani autori…

1996 Armando Ceste vai alla scheda

L’ultimo nastro

Liberamente tratto da L’ultimo nastro di Krapp di Beckett, è la riflessione di un personaggio solo, alle prese con il proprio passato. Saranno le immagini della televisione e di un’impossibile trasmissione “sulla difficoltà di essere comunisti" a condurlo in questo…

1990 Armando Ceste vai alla scheda

I still have my hands

Un video cartoon elettromagnetico con la musica di Meredith Monk. In 15 anni, tanti intercorrono tra La lezione e I still have my hands, ovviamente, riferimenti politici e culturali si sono evoluti o modificati, ma una ricerca formale ed un’attenzione…

1983 Armando Ceste, Petra Probst vai alla scheda

Erri De Luca dopo Genova

“Cercavo un linguaggio alto, diverso da quello massmediologico della cronaca dei giornali e delle tv che aveva invaso i nostri occhi, cuori e cervelli in quei giorni del dopo Genova. Leggendo le filastrocche di Erri De Luca mi sono emozionato…

2001 Armando Ceste vai alla scheda

Una casa poco solida

Una casa in costruzione crolla e il guardiano del cantiere muore sotto le macerie. Il crollo rischia di provocare un’altra vittima: un bambino che si salva grazie al provvidenziale intervento di Guillaume Apollinaire. Di chi è la colpa? Chi risolverà…

1996 Alessandro Tannoia, Lucio Lionello vai alla scheda

Finale di partita

Un viaggio in auto, in Finale di partita. Dal nero iniziale – dentro un garage – al viaggio verso luoghi periferici, piazze dedicate a militanti comunisti, superstrade e tunnel, l’immagine video che si presenta talmente forte da annullarsi e proporsi…

1992 Armando Ceste vai alla scheda

Senza tempo

“La solita storia. Chi ha il potere, chi non ce l’ha. Adesso, come sempre, vince il clero. Attenzione!" Tannoia Alessandro e Lionello Lucio

, poi dopo

La frammentazione della vita dovuta al continuo ferimento della memoria. In un vortice orizzontale di immagini, il personaggio sogna di sfuggire al controllo sociale e ruba il momento di una morte, impressionandola. Questo spezzettamento dell’esistenza porta a mischiare la realtà…